arr3 Professore oncologo Mariano Bizzarri

Mariano Bizzarri, nato il 12 ottobre 1957, ha conseguito a pieni voti il baccalaureato in ProfBizzarrismall tSa 169X237Biochimica a Parigi, nel 1975. Iscrittosi alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma, La Sapienza, ha conseguito la laurea con una tesi dal titolo: "Livelli sierici della Ribonucleasi in pazienti affetti da adenocarcinoma del pancreas", riportando la votazione 110/110 e lode nel corso dell'anno accademico 1980-81.

Iscrittosi alla specializzazione in Oncologia, ha poi conseguito il Dottorato di Ricerca in “Chirurgia e Chemioterapia Sperimentale” nel 2000. È ricercatore dal 2001. Attualmente è Professore di Patologia Clinica presso la II° Scuola di Specializzazione in Oncologia de l’Università
La Sapienza, e, presso lo stesso Ateneo, Professore di Chimica e Propedeutica Biochimica del Corso di laurea in Tecnologie Radiologiche e di Laboratorio. È docente del Master in “Scienze gastronomiche e Patologie Alimentari” promosso dall’Università La Sapienza.

È docente di “Neuropsicoimmunologia e Tumori” nell’ambito della scuola di Specializzazione in Psicologia organizzato dalla Scuola di Psicoterapia Comparata di Firenze. In collaborazione con il prof. Filippo Conti ha contribuito a costituire la scuola italiana di analisi metabolomica, rivolgendo una specifica attenzione allo studio della regolazione cellulare dell’apoptosi e del ciclo cellulare. È stato ideatore e fondatore della Fondazione Carlo Ferri per lo studio e la cura dei Tumori (Monterotondo), dove ha ricoperto il ruolo di Segretario fino al maggio 1989. È membro
fondatore del Consiglio per i Diritti Genetici (2002). È vicepresidente della Associazione Italiana di Metabolomica (Assimet). Ha contribuito a fondare la Italian Society for Space Biomedicine e Biotechnology (2006), di cui è Segretario generale. È membro del CRAS, Centro di Ricerche
Aerospaziali dell’Università la Sapienza costituitosi nel 2008. È membro del Consiglio Scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana, Presidente del Consiglio Scientifico di Telesal e responsabile ASI dei programmi di Telemedicina.

Ha rivolto la propria attività professionale alla ricerca scientifica in ambito oncologico, dedicando
particolari studi ai problemi inerenti la cancerogenesi chimica, i rapporti tra nutrizione e cancro e
le interrelazioni Tumore-Ospite (rapporto Mente-Cancro, Immunità-Cancro). Dal punto di vista
clinico, ha concentrato le sue ricerche sulla diagnostica, l'inquadramento clinico e la terapia delle
neoplasie urologiche.

È attivamente impegnato in associazione con altri Centri Italiani ed Internazionali, a proporre una
nuova teoria cancerogenica, prevalentemente incentrata sul tumore come malattia tissutale,
governata da dinamiche non-lineari, proprie dei sistemi complessi (Systems Biology Studies). In
quest’ambito ha finalizzato le ricerche dell’ultimo decennio alla scoperta di nuovi composti anti-
tumorali, estratti dalle cellule staminali di pesce e dalle piante, mettendo a punto due nuovi
brevetti. La trasposizione clinica di queste ricerche ha consentito di conseguire importanti
progressi nella cura dei tumori del fegato, del pancreas, del colon e della mammella. È membro del
Comitato Scientifico della rivista Anthropology and Phylosophy e della rivista International
Journal of Tumor Marker Oncology. È Presidente del Comitato Scientifico della rivista Space
Magazine. Ha partecipato a più di 70 congressi scientifici nazionali ed internazionali, presentando
comunicazioni e letture magistrali. È autore di 95 pubblicazioni, di cui 61 in lingua inglese. È
autore di numerosi libri (alcuni dei quali tradotti all’estero) a carattere scientifico o divulgativo e
di numerosi saggi scientifici e filosofici.

Libri scientifici
• Il Tramonto del Tumore, in coll. con A. Laganà, prefazione di U. Veronesi, Ed. Errebian, Roma
1991.
• Melatonina: Biochimica e fisiopatologia, in coll. con A. Laganà, Ed. Universitarie, Roma, 1996.
• Terapia medica dei Tumori solidi, in coll. Con A. Laganà e A. Gaspari. 1996, Book&Bite, Roma
• Le infezioni micotiche nel paziente oncologico, 1998, UTET, Milano.
• La Mente e il Cancro, Ed. Frontiera, Milano 1999.
• Epidemiologia e multiculturalismo in: Medicina e Multiculturalismo, a cura di S. Maffettone,
Apeiron, Bologna, 2000.
• Neoplasie e Prevenzione, in: Bioetica e cultura della Prevenzione, a cura di G. Tarro, Apeiron,
Bologna, 2001.
• Quel Gene di Troppo, Ed. Frontiera, Milano, 2001. (ed. in lingua spagnola: El Imperio de los
Genes, Ed. Seristar (Cuba – America Latina), 2007)
• Le Biotecnologie agrarie ad un bivio, con A. Laganà, in: Organismi Geneticamente Modificati,
Atti del Convegno “OGM: il Tempo delle Scelte”, Ed. Bizzarri M. Laganà A. and Vieri S.,
Commedia, Roma, 2003.
• Il Pellicano: dall’alchimia alla chimica, Ed. Universitarie, Roma, 2004. Prefazione di G.
D’Ascenzo e A. Laganà.
• Sistemi operativi e Stati Mentali: l’attivatore del “guaritore interno” come espressione funzionale
di stati. In: Cancro: tra mente e corpo, a cura di D. Marafante, Ed. Riza, Milano, 2004, 85-118.
• Intervista sulla Scienza, a cura di G. Monastra, Ed. Barbarossa, Milano, 2005
• Limits of genetic predictability in oncology: irreversibility of neoplastic disease as a paradigm,
in: Scienza e Tecnologia, le nuove Frontiere dell’Invisibile, Baldini e Castoldi, Firenze, 2005.
• Reversibilità ed irreversibilità della trasformazione neoplastica: ipotesi per un nuovo paradigma
(in coll. con A. Cucina), F. Angeli, 2007, Roma.
• Quel Gene di Troppo. L’incognita OGM e il rischio sostenibile. Editori Riuniti, 2008, Roma.